Sardegna Grand Hotel Terme

Sardegna Grand Hotel Terme

Il #topteam è sempre in viaggio, questa volta alla scoperta della Sardegna, ma non quella del mare, delle spiagge bellissime, una Sardegna diversa, fatta di centri termali e storia.
Circondato dal verde della macchia mediterranea, si trova il Sardegna Grand Hotel Terme, a Fordongianus a circa un’ora di strada dal’ aeroporto di Cagliari.
Una grande hall ci accoglie all’ ingresso ed è subito relax.
L hotel è veramente grande, dispone di 90 camere luminose e spaziose.
Il giro dell’ hotel è stato rapido e perdersi è veramente facile per chi non conosce bene la struttura.
Due piscine termali una interna ed una esterna, dotate di idromassaggi e giochi d’ acqua, una piscina termale esterna dedicata ai bambini, un’ area wellness con crioterapia, biosauna, fiotto freddo riattivante, cascata termale e tutto quello che occorre per regalare benessere e relax.
Il benessere che questo hotel è in grado di regalare non è solo fine a se stesso: è anche curativo.
Fanghi, bagni termali, massaggi, trattamenti estetici, visite mediche, percorsi alimentari sono alcuni esempi che la struttura offre.
Torniamo a noi, a questi tre giorni ricchi di colpi di scena e novità.
Il primo giorno è stato dedicato alla scoperta dell’ hotel: i servizi proposti, i prodotti utilizzati e la struttura in generale.
Inizio parlando dei trattamenti!
Il concetto principale di questa struttura è il rispetto dell’ ambiente e la valorizzazione del territorio, ecco perché la maggiorparte di prodotti derivano dal recupero delle sostanze naturali presenti sul territorio come il mirto e l elicriso.
I prodotti sono a base delle acque termali dove a livello cutaneo possono idratare la pelle e prevenire il fenomeno dell’ossidazione.
Alla base dei massaggi c’ è una vera conoscenza delle gestualità ma soprattutto dei principi attivi utilizzati nelle creme brandizzate all’ hotel stesso: una linea Fitotermale personalizzata priva di coloranti e conservanti.
Le creme sono molteplici: dalla crema detergente all’ elicriso che tonifica e deterge la cute al tonico idratante, il siero antiage perfetto per ogni tipo di ruga, per finire poi con i prodotti al mirto, come il contorno occhi e la crema dopobarba.
Dal relax spostiamo l’ attenzione sulla cucina.
Il menù propone una ricca colazione a buffet, dolce e salata, anche per celiaci o persone con bisogni particolari.
Abbiamo pranzato solo il primo giorno nella struttura dove un ricco buffet ci ha attesi.
Tutto veramente buono e fresco.
Non posso però essere sincera sulla cena, il nostro menù, la preparazione, l’ impiattamento erano esclusivi per noi, non a tutti gli ospiti dell’ hotel viene garantito questo servizio.
Lo chef Alain Sedda ha proposto un menù che ha totalmente incontrato il mio gradimento: pur avendo delle intolleranze con gli ovini, lo chef ha saputo riproporre piatti veramente eccezionali modificando leggermente gli ingredienti.
Due degustazioni degne di lode, l’ unica nota dolente è stato un dolce particolarissimo che non ha sollecitato le mie papille gustative, ma il gentilissimo chef si era proposto di stupirmi con un altro dessert, ma è stato zittito dalla pr.
Tutti i piatti sono accompagnati da una carta di vini, una degustazione a 360°.
Dal food passiamo alla storia.
La Sardegna è pazzesca, così ricca di storia, di bellezza.
Abbiamo visitato i dintorni e scoperto dei fantastici agriturismi e cascine con persone gentilissime.
La giornata è iniziata molto bene con temporali qua e là e qualche grado in meno del previsto, ma se alle 9 del mattino inizi ad assaggiare conserve tipiche e vino, tutto si sistema.
L’ Azienda Agricola della famiglia Orro a Tramatza (OR) è stata la prima visita del giorno. Il vino era decisamente buono, ma le conserve mi hanno conquistato il cuore. Non vedo l’ ora di provare a fare a casa la pasta crema di melanzane e salsiccia che mi ha consigliato la signora!
Mezze ubriache ci siamo indirizzate verso la Società Agricola Cuscusa, dove la natura e la grandissima conoscenza verso gli animali fa da padrona.
E’ stato bellissimo vedere la loro tenuta e scoprire il processo di produzione dei formaggi!
Dalla quantità di formaggio mangiata dalle ragazze del #topteam devo dire che i loro formaggi sono veramente top!
I due fratelli Cuscusa sono davvero simpatici, ma soprattutto producono il beelato! Un gelato diverso, al formaggio!
Era quasi ora di pranzo, ma fame ne avevamo? Ovviamente si. Tutti i favolosi prodotti assaggiati al mattino non avevano fatto altro che aumentare il nostro appetito.
La tenuta Olianas, azienda vinicola di recente nascita, è stata l’ ultima vista!
Un ottimo pranzo è stato servito prima della visita alle cantine e alla tenuta stessa. L’ eco sostenibilità è alla base di questa azienda.
Il giro è stato un po’ frettoloso a causa del vento che stava salendo, ma cvi consiglio di passare da queste parti per potervi godere a pieno un’ esperienza come questa.
L’ ultimo giorno è stato un po’ birichino! E’ partito alla grande, con la visita alle terme romane: duemila anni fa l’ imperatore Traiano scopriva, nel cuore della Sardegna, i benefici delle acque termali di Fordongianus. Le acque ipertermali, così definite perché sgorgano ad una temperatura di 56° sono rinomate fino dai tempi dei romani.
Le terme si trovano ai piedi di un piccolo borgo, dove è presente la Casa Aragonese, un edificio costruito tra il XVI e VXII secolo, un raro esempio di abitazione signorile con portico anteriore.
Il giro è stato davvero interessante, ma una volta terminato abbiamo dovuto aspettare la pr che ha deciso d’ ingannare il tempo andando a comprarsi dolci per casa insieme al driver. Il tempo in Sardegna è davvero pazzo, da soleggiato passa a uggioso e ventoso in 4 minuti e così è stato.
Un po’ dubbiose abbiamo terminato il nostro giro presso il Nuraghe Losa, è uno dei più importanti e meglio conservati monumenti nuragici. Costruito interamente in roccia basaltica, il nuraghe Losa è costituito da un mastio centrale e da un bastione trilobato a sua volta circondato da un antemurale.
Tutto il complesso nuragico, compreso il villaggio, è circondato da una cinta muraria.

Da lì, il pranzo in un centro commerciale con dei panini agghiaccianti e il ritorno a Milano.
Ringrazio tutti coloro che hanno reso questo viaggio piacevole, ma soprattutto tutte le persone che lavorano per rendere la Sardegna un posto così favoloso!

sardegna grand hotel terme sardegna grand hotel terme sardegna grand hotel terme sardegna grand hotel terme sardegna grand hotel terme sardegna grand hotel terme sardegna grand hotel terme sardegna grand hotel terme sardegna grand hotel terme sardegna grand hotel terme sardegna grand hotel terme

Related posts:

Share this:

Leave a Reply

Protected with SiteGuarding.com Antivirus