Sicilia: Acireale – Catania – Siracusa

Sicilia: Acireale – Catania – Siracusa

Il #MOMAGranTour sbarca in Sicilia ed insieme ad Alessandra c’è anche il #TopTeam!
Conoscete la mia passione per i viaggi e quando Alessandra ci ha chiesto di accompagnarla alla scoperta della Sicilia non ho potuto che accettare.
Tre città: Acireale, Catania, Siracusa.
La Sicilia è la più grande isola italiana, una delle perle del sud oserei dire.
Al primo acchito può sembrare così simile, ma non è affatto vero: la Sicilia propone paesaggi diversi, itinerari alternativi, esperienze culinarie uniche. Tra Natura, tradizione e storia è possibile scoprire tutte le sue meraviglie.
Leggendo i Malavoglia ho sempre voluto capire e scoprire cosa significasse il prefisso Aci. I comuni con prefisso “aci” si trovano tutti in provincia di Catania sulle falde dell’Etna (Acitrezza,Acireale,Acicastello). Aci deriva dalla forma medievale Jachium che viene dall’arabo. tutte le frazioni con tale prefisso deriverebbero dalla antica e scomparsa città greca di Xiphonia. Virgilio e Ovidio raccontano che la città fu fondata (da Polifemo e) dalla ninfa Galatea e il pastorello ACI.
Acireale è piccola, ma racchiude dentro sé la bellezza siciliana.
Il centro di Acireale è la Piazza del Duomo, su cui si affacciano alcuni degli edifici più importanti della città, tra cui la Chiesa Cattedrale, la Basilica dei Santi Pietro e Paolo, il Palazzo del Comune, il Palazzo Modò.
E’ bellissimo visitare la città con il naso all’insù. Tra una granita mandorla-pistacchio e panna, un arancino (mi raccomando, siamo in provincia di Catania l’ arancino è maschile!) e un sacco di foto la giornata è a dir poco volata, di corsa in Hotel in attesa della cena tipica.
Albergo Ibis Styles Catania Acireale: perfetto per tutti i viaggiatori automuniti. Un team di persone davvero speciale, servizievole e premuroso. Tutte le camere sono accoglienti e spaziose, il wifi è incluso nella tariffa (cosa da non sottovalutare) e la colazione è ricca e deliziosa.
La Sicilia è famosa per la sua cucina: deliziosi manicaretti a base di pesce, arancini, pasta alla norma… Una serata ricca di leccornie (forse un po troppo!).
Il mattino seguente eravamo pronte a trasferirci a Catania (a pochissimi km di distanza).
Nuova città nuovo hotel: Mercure Catania Excelsior, quattro stelle di felicità.
La sua posizione centrale permette di raggiungere tutte le attrazioni turistiche e non solo!
Il mercato di Catania del sabato è qualcosa di esagerato.
Pranzo tipico a casa Coco e di nuovo immerse nelle bellezze catanesi. Piazza Duomo, Piazza Università, la Fontana dell’ Amenano (detta fontana dei lenzuoli) e ancora la via del Crociferi, la Basilica Collegiata, La Chiesa di Sant’Agata.
Percorrete senza sosta via Etnea e fermatevi a prendere qualsiasi cosa di Savia.
Gironzolate tra le viuzze catanesi con in mano la schiacciata, godetevi il clima che solo una città del sud può regalarvi.
Quando avrete girato così tanto da non sentirvi più i piedi, tornate in Hotel, al Mercure per riposarvi a dovere.
La mia camera era pazzesca: decorata con colori mediterranei per ricreare un’atmosfera classica e raffinata. Mi sentivo rilassata, mi sentivo coccolata. La cucina creativa e raffinata propone piatti di pesce freschissimo pescato nelle acque locali, la colazione è unica, raffinata, ho apprezzato tantissimo anche le pietanze salate (uova e pancetta).
Catania è bellissima anche di sera, non lasciatevi sfuggire l’ occasione di vedere parte della città illuminata.
Nuovo giorno, nuova città, nuovo hotel.
Siracusa ha un fascino diverso, un fascino arricchito dalle preziose testimonianze archeologiche che raccontano le antiche origini della Trinacria (antico nome della Sicilia), e dai tanti monumenti, testimonianza di un’arte che ha saputo forgiarsi nel corso dei secoli.
Penso che Siracusa, sia tra le più belle città siciliane per la sua storia ma anche per le sue tradizioni. Non si può non visitare il Parco Archeologico della Neapolis, se Cicerone definì Siracusa come “la più bella città che i Greci costruirono in occidente” un motivo ci sarà.
Per i più impavidi consiglio le catacombe di San Giovanni, dopo quelle di Roma, sono tra le più estese d’ Italia.
Visitare il Santuario della Madonna delle Lacrime, arrivare al centro e guardare verso l’alto è sicuramente da fare.
Se avete poco tempo, non rinunciate a perdervi tra le viette di Ortigia, è troppo bella per non essere visitata. Il centro storico di Siracusa, situato per intero su un’isola. Raggiungere la Piazza del Duomo dopo sarà gratificante.
Faceva caldissimo, avevamo bisogno di un bagno di piscina.
Il Mercure Siracusa Prometeo, grazie alla sua strategica posizione riesce a coniugare le esigenze di chi viaggia sia per lavoro che per il piacere di scoprire le bellezze di Siracusa e della Sicilia.
Ho conosciuto posti nuovi, rivisitato altri, ho mangiato, bevuto, riso e scattato tante foto.
Cosa potevo chiedere di meglio?

ortigia granita siciliana catania acireale siracusa catania acireale pranzo mercure catania catania ibistyle catania mercure catania IMG_6122

Share this:

Leave a Reply

Protected with SiteGuarding.com Antivirus